Touba - ACSIONLUS

Vai ai contenuti

Menu principale:

Touba

Cheikh Hamadou Bamba
fondatore di muridismo
Serigne Cheikh Sidi
Moukhtar MBACKE
Actuale Khalif
Cheikh Mouhammadou Moustapha
MBACKE 1927-1945
El Hadji Fadilou MBACKE
(1945-1968)
Serigne Abdoul Ahad
MBACKE 1968-1989
Serigne Abdoul Khadre
MBACKE 1989-1990
Serigne Saliou Mbacke
1990 - 2007
Serigne El Hadj
Mouhammadou
Lamine Bara MBACKE
(2007- 2010)
La MURIDIYA (il muridismo), insegnato da Cheikh Ahmadou Bamba, è un insieme di pratiche di culto e di regole di condotta (un sufismo) basate sull´amore e l´imitazione del Profeta Muhammad (PSL) e il cui fine è il perfezionamento spirituale. Il sufismo non costituisce un movimento confessionale come il Sunnismo o lo Sciismo, ma piuttosto uno stile di vita e un insieme di credenze e pratiche di culto che traggono le loro origini dal Profeta (PSL).

Il movimento sufi si è diviso in due correnti. Una prima basata sull´interpretazione letterale del Corano, della Sunna e che ha generato Sufi distaccati da qualunque relazione con il mondo terrestre, in uno stato di quasi estraneità i cui adepti sono soprannominati "sciariatici".

L´altra tendenza è detta "mistica" e preconizza un´interpretazione simbolica o allegorica dei testi sacri di cui ricerca il senso esoterico. E´ a questa seconda tendenza che appartiene l´insegnamento di Cheikh Ahmadou Bamba.

Per Cheikh Ahmadou Bamba, sarebbe illusorio e anche pericoloso gettarsi nel misticismo senza soddisfare certe condizioni. Bisogna prima di tutto istruirsi nella religione e fare propri i principi islamici di base e regolare la propria condotta in base alla Shari´a (prescrizione divina) e la Sunna (insegnamento del Profeta - PSL).

La compagnia di una guida perfettamente valida si avvererà indispensabile per orientare il discepolo, per inculcargli l´etica musulmana, il diritto islamico. Una volta questi principi assimilati, la porta è aperta al misticismo (tassawuf o sufismo).

La mistica di Cheikh Ahmadou Bamba si basa sulla fedeltà scrupolosa alle pratiche di culto, la dirittura morale, la purezza, la devozione (alla società) secondo i dettami puri dell´ortodossia musulmana. Questa sete di spiritualità si traduce con:
una solida istruzione: conoscenza della teologia, dell´esegesi del Corano, delle sentenze del Profeta (PSL) e del diritto islamico
una pratica costante dello zikr (ripetizione dei nomi di ALLAH)
una pratica continua della preghiera surrogatoria.
una mortificazione prolungata (diminuzione della quantità superflua di cibo, del sonno, delle parole...).
Al di là della preoccupazione di formare un ordine religioso (confraternita), Cheikh Ahmadou Bamba si è prima di tutto occupato di ciò che deve essere il musulmano, di ciò che costituisce generalmente la sua vita spirituale, dei doveri che incombono su di lui nelle diverse circostanze della vita.

Se facciamo riferimento agli scritti di Cheikh Ahmadou Bamba, il muridismo costituisce un sistema di elevazione spirituale e sociale del musulmano e il discepolo dello Cheikh (il murid) è il musulmano che "lavora" sulle tre componenti della religione musulmana:
-L´Iman o la professione di Fede L´iman, è la fede in ALLAH e nel Profeta Muhammad (PSL) come ultimo degli inviati, quello che termina il processo della rivelazione monoteista. L´Iman implica quindi l´accettazione dei libri e delle parole di questi Profeti (Torah, salmi di Davide, Vangelo) così come la credenza nell´esistenza di creature diverse dagli uomini, come gli angeli tra cui il più conosciuto è Djibril (Gabriele). Il discepolo deve anche, accettare il Decreto divino secondo il quale la forza o la grazia divina si manifestano in ogni cosa.

-L´Islam o le pratiche di culto di sottomissione a ALLAH E´ questo elemento che da il nome alla religione musulmana: l´Islam (la sottomissione a ALLAH). Consiste nella pratica della fede e nell´obbedienza ai precetti dell´Islam.Comincia con la shadada, la testimonianza dell´islam, formula che costituisce l´identità del musulmano:

Non esiste altra divinità al di fuori di ALLAH e Muhammad è il suo Inviato

L´Islam prevede pratiche di culto obbligatorie come la preghiera (salat), il digiuno durante il mese di Ramadan, l´elemosina legale (zakat) e il Pellegrinaggio presso i luoghi santi dell´Islam (La Mecca e Medina) per coloro che possono permetterselo. La preghiera si svolge cinque volte al giorno e costituisce un richiamo per l´individuo nei confronti dei suoi obblighi di culto. Il digiuno del mese di Ramadan punta, al di là dell´astinenza dal cibo, a rendere l´individuo più umano verso i più bisognosi. L´elemosina legale (zakat) compie ugualmente una funzione sociale e può essere interpretata come una forma di redistribuzione dei redditi. Il Pellegrinaggio alla Mecca, ha come obiettivo l´introspezione, un ritorno su di sè, un inizio di perfezionamento del proprio comportamento e delle pratiche di culto.

L´Ihsan o la perfezione spirituale. Questa ultima fase è la scienza dell´abbellimento degli atti. Il discepolo, nel suo comportamento e nel suo modo di vivere deve essere in armonia con la religione attraverso un combattimento continuo contro la sua anima carnale per potersi sbarazzare dei propri vizi. È la fase più difficile e nel suo compimento il discepolo (taalibè) segue, imita i comportamenti della sua guida (Marabutto). Il discepolo dovrà avere uno spirito critico e di discernimento, soprattutto nella scelta della guida. Il lavoro su di sè, o jihadul nafsu è l´ascesi rispetto alle passioni e agli appetiti di questo mondo. Cheikh Ahmadou Bamba ci insegna nella sua opera Massalik-ul-Jinaan (Gli Itinerari del Paradiso) che questa ricerca di misticismo si basa sui seguenti pilastri:
silenzio
fame
abbandono delle innovazioni riprovevoli
pentimento
veglia
solitudine
rettitudine
paura di ALLAH professata interiormente e esteriormente
La fase del perfezionamento spirituale è molto difficile e per evitare al discepolo di cadere nelle trappole di Satana, la compagnia di una guida spirituale (Cheikh) è indispensabile.

Fonte: insenegal.org 
Torna ai contenuti | Torna al menu